Di chi è il sito deputati5stelle?

Mi ero ripromesso di non tornare sull’argomento di cui ho scritto ieri  ma, lo so molti non ci crederanno, una serie di coincidenze mi hanno portato a scoprire altre cose.

Oggi su Facebook mi capita di trovare la pubblicità di una pagina facebook “I pugliesi“. La pagina non mi suona come nuova, incuriosito entro e trovo come ultimo link pubblicizzato il sito deputati5stelle.com (il sito che chiede ai grillini di liberarsi di Grillo). Questo mi fa scattare subito il collegamento. Adesso ricordo, mi era stata segnalata come una delle pagine di Carlo Brancati. Ricordo anche un articolo di Giornalettismo intravisto pochi minuti prima in cui si svelava a chi apparteneva quel sito. Non avevo letto il testo perché non mi sembrava interessante sapere chi ci fosse dietro. Ma adesso sono preso dalla curiosità e voglio vedere se conferma che sia Brancati. E’ una delusione invece, quello che Giornalettismo scopre è che il sito è registrato da un certo Pinco Pallino. Aggiungono anche che dell’iniziativa se ne parlava poco tempo fa su un forum di un Meetup e la foto dell’utente è falsa.

Brancati attraverso la sua pagina Facebook potrebbe semplicemente pubblicizzare un’iniziativa che condivide, dopo tutto lo fanno tutti. Vado a leggere i vecchi post e scopro invece che ci sono solo esclusivamente link a post scritti da lui.

La pirata Lilo sostenva che Brancati fosse dietro Viola Tesi, la ragazza che ha raccolto le firme online per chiedere a Grillo la fiducia a Bersani. Sempre Lilo è convinta che Brancati ha creato molti account fasulli sul sito pirata e su Facebook.

Al lettore il compito di trarre le conclusioni.

Aggiornamento del 6 marzo 17.17 Il Movimento Revolution (altro gruppo pirata) rivendica la proprietà del sito.

Aggiornamento del 7 marzo 11.22 Gaetano Vilnò del Movimento Revolution nega ogni coinvolgimento, loro hanno solo appoggiato l’iniziativa.